La Campanella della fortuna

Viveva a Capri un pastorello, il più povero fra i bimbi poveri del luogo. Suoi unici beni erano una capanna, che divideva con la mamma, vedova, ed una pecorella, che egli soleva portare a pascolare sulle pendici del Monte Solaro.

Una sera, all’imbrunire, il fanciullo si era soffermato a raccogliere dei fiori e quando si voltò per chiamare la pecorella, più non la sorse. L’angoscia gli strinse il cuore: che sarebbe stato di lui e della mamma?

In quel momento gli parve di sentire un fievole lontano scampanio e, pensando che fosse il suono della campanella che la bestiola portava al collo, si lanciò in quella direzione. I suoi piedini nudi volavano, incuranti dei sassi, dei rovi e della notte, ormai sopravvenuta…finchè non giunse sull’orlo d’un burrone.

Qui una luce improvvisa arrestò il meschinello: San Michele gli apparve avvolto in un fulgore d’oro, splendente sul suo cavallo bianco. – Bimbo mio – dice il Santo, sfilandosi dal collo una campanina che gli pendeva sul petto – prendila e segui sempre il suo suono: essa ti salverà da ogni pericolo – . Il pastorello, tremante d’emozione e di gioia, portò alla mamma il preso regalo, e la campanina miracolosamente venne fuori dalla giubba lacera del pastorello, tutta avvolta nella verde cornice d’un vivido quadrifoglio.

Da quel giorno, la sua vita fu tutta una luce di bontà e di felicità e ogni suo desiderio terreno fu appagato. Sul luogo dell’Apparizione fu costruita una villa denominata San Michele.

La miracolosa campanina, riprodotta per voi un minuscolo porta-fortuna, sarà il vostro talismano di fortuna e successo.

Torna su